FOLLOW US HERE: 

  • Facebook Clean
  • Twitter Clean
  • Instagram Clean
  • YouTube Clean

Gli Attributi di Yahweh

Da qualche tempo mi sto occupando della Bibbia, la leggo cercando di studiarla, anche se sono consapevole che per quanto io possa impegnarmi, mai riuscirò a capire e ricordarmi tutto. Però ne sono affascinato e avendo tempo a disposizione gli sto dedicando molti momenti. Quando gli amici o i conoscenti apprendono di questo mio “passatempo”, noto sempre un sorriso nel loro viso. Un’espressione che è una via di mezzo tra la sorpresa e l’incredulità, infatti molti di loro sono consapevoli che io non sono un credente praticante, anzi tutt’altro.

Poi inevitabilmente mi chiedono il perché ed io rispondo sempre che si tratta più che altro di curiosità, ma non per la religione in sé, bensì per altro, per molto altro che scopro man mano che affronto i vari libri della Bibbia. Primo fra tutti nel libro della Genesi che è quello che mi appassiona più di tutti. Se però inizio a parlarne, magari raccontando degli episodi che mi hanno colpito, sempre avverto un certo fastidio da parte loro. Un rifiuto ad ascoltarmi perché non sono minimamente interessati. Mi fanno capire esplicitamente che è tutto tempo perso e che loro hanno mille cose da fare piuttosto che interessarsi della Bibbia. Hanno parecchi libri che attendono solo di essere letti, anche se la copia di una Bibbia risulta in bella mostra nella loro biblioteca. Qualcuno mi ha anche confessato che qualche volta ha provato a leggerla, ma poi l’ha sempre abbandonata perché troppo impegnativa.

Una volta, parlo di molti anni fa, quando solo pochi sapevano leggere, non era possibile leggerla perché era vietato farlo, pena la morte. Solo qualcuno autorizzato poteva farlo. Oggi, invece, che tutti sanno leggere e che non ci sono proibizioni, nessuno la legge, o quasi. In realtà, da parecchie decina d’anni, ci sono persone colte e preparate che la leggono per noi. Come se fossero degli intermediari fra lo spirito che l’ha fatta scrivere e noi poveri sprovveduti. Questo perché solo loro conoscono quando bisogna leggerla in maniera letterale oppure quando occorra interpretarla. Spesso c’è scritto una cosa, ma se ne deve intendere un’altra. L’esegeta ma ancor di più il teologo impiegano tutta una vita di studi per conoscere come si deve intendere. Spesso non sono d’accordo neanche fra di loro perché è veramente difficile avere un pensiero condiviso da tutti.

Io per anni ho cercato di leggerla ma poi come quasi tutti ho rinunciato. Poi un giorno ho incontrato una testimone di Geova e perciò con lei ho iniziato uno studio sistematico. Abbiamo iniziato da cos’è la Bibbia, perché se non si conosce chi l’ha scritta, quando e perché, sarebbe come costruire una casa senza fondamenta. Purtroppo dopo otto mesi di studio mi sono reso conto che non era possibile stabilire niente sui quei libri, né chi l’avesse scritta, né quando, né come, ma ancora peggio le traduzioni dall’ebraico antico ed aramaico erano molto approssimate e variavano a secondo delle scuole di pensiero, che tagliavano, aggiungevamo o modificavano il testo. Testo che non aveva vocalizzazione e perciò era facile cambiare il significato delle parole o di intere frasi.

Nonostante questo, turandomi il naso, ho iniziato a leggerla con lei. Io seguivo attentamente quello che mi indicava, studiavo e poi traevo le mie considerazioni. All’inizio di ogni lezione, mezz’ora era dedicate alle mie domande e alle sue risposte, poi la mezz’ora risultava insufficiente man mano che si andava avanti. Erano troppe le cose che chiedevo e di cui volevo delle spiegazioni. Dopo due anni di studi continui abbiamo deciso di comune accordo di interrompere lo studio della Bibbia per, diciamo, incompatibilità di intendimento. Infatti, malgrado leggessi soltanto quanto mi promuoveva lei, mi ero reso conto che la Bibbia era un libro violento e spietato, niente a che fare con l’amore, il perdono ecc. Interruppi lo studio per riprenderlo solo dopo qualche anno e questa volta da solo. Avevo intenzione di iniziare dalla prima riga e finire all’ultima, almeno questo era lo scopo. Avrei fatto a meno degli esegeti, dei sapienti e colti personaggi che mi avrebbero indicato quando, dove e come leggere. Peccavo di presunzione? Forse ma avevo deciso che avrei letto tutto in maniera letterale, come se gli autori quando scrivevano volessero dire esattamente quello che avevano scritto, senza farmi troppe domande o elucubrazioni. Poi quando mi sarei trovato in difficoltà avrei avuto sempre un grande alleato: internet.

Andando avanti con lo studio mi sono reso conto che malgrado noi pensiamo di essere completamente svincolati dalla religione, essendo laici, in realtà siamo ancora sottoposti a tutta una serie di regole che ci arrivano da lontano. Noi critichiamo fortemente la religione musulmana perché segue la legge del Corano piuttosto che la legge laica dello stato dove si trovano i praticanti. Oppure che le due sono in simbiosi. Ma ripeto, pur non essendo più nella “Santa inquisizione”, per fortuna, tutto il nostro modo di vivere è scandito, dalla nascita alla morte, da obblighi religiosi. Dal battesimo all’estrema unzione. Certo c’è chi non crede a niente, eppure raramente si sottrae ad un bel matrimonio in chiesa.  Ormai è un costume, un’abitudine, una cosa da fare. Tanto che male può fare? Così anche le nostre leggi sono “condite” sempre dalla religione. Ultimamente in Parlamento hanno discusso del fine vita, il bio testamento. Siamo arrivati solo adesso a cercare di svincolarci da quanto ci detta la religione e non è detto che ci riusciremo. Eppure nessuno se ne accorge! Viviamo senza renderci conto che sono altri che ci impongono delle condizioni e queste regole ci derivano ancora dalla Bibbia.  Un libro sacro, lo dicono tutti! Addirittura negli Stati Uniti ci si giura sopra. Si dice: vero come la Bibbia.  Invece niente può essere più falso. Ma anche se non lo fosse, a noi non ci è permesso di leggerlo, nel senso che quello che ci predicano o ci fanno leggere, è solo una parte di quello che c’è. Come se in un discorso si estrapolassero alcune frasi togliendo il resto in modo da far cambiare completamente il senso di quello che si dice. La stessa cosa in uno scritto. Spesso però non è possibile inventarsi niente perché le frasi sono talmente esplicite che malgrado tutti gli sforzi che fanno per dimostrare il contrario, non è possibile trasformare i versetti dove ci sono frasi come: uccideteli tutti o passateli a fin di spada oppure non lasciate in vita nessuno che respiri. Ma questo è l’Antico Testamento, invece il Nuovo è diverso, infatti è tutto amore e gloria. Eppure il Dio è lo stesso oppure no? A me pare sempre uguale tanto che non ha trovato niente di meglio che mandarci il suo unico figlio da sacrificare per noi. (ma un Dio può avere figli? Lo ha creato oppure lo ha concepito con la sua sposa? Quando si è presentato da Abramo con i due Angeli, che dovevano avvisare Lot di fuggire da Sodoma, sono giunti stanchi e affaticati (perché non potevano volare?), tanto che Abramo li ha fatti rifocillare facendogli preparare un buon pranzo dove averli fatti riposare alla frescura di un albero e facendogli lavare i piedi. Esattamente come viandanti qualsiasi in carne e ossa.) Questa storia di immolare i primogeniti sia umani che animali mi sconcerta, eppure anche lui non si è sottratto, almeno da quanto si legge. Le cose che mi sconvolgono sono tante e più leggo più mi rendo conto che non solo la nostra religione, ma anche tutte le altre, non sono altro che un sistema molto efficace per tenerci sotto controllo in maniera delicata,

Però finchè noi non ci interessiamo a tutto ciò, magari informandoci, leggendo, permettiamo allo Stato più ricco del mondo di continuare a fare i loro intrallazzi nascondendosi dietro la misericordia e la bontà. I papi di una volta lo sappiamo chi erano, ma non per questo quelli di adesso sono migliori. Vengono scelti sempre per uno scopo ben preciso.  Incredibile che quest’ultimo papa con l’installazione di poche docce e di una barberia all’ingresso del Vaticano sia riuscito a dare l’illusione che la chiesa stia facendo molto per i poveri. Possibile che basta tanto poco per circuirci? Mi pare Totò quando disse armiamoci e partite. Esattamente quando dice di accogliere i migranti, perché è un nostro dovere ce lo impone la misericordia. A noi si ma a lui no! E ne avrebbe lo Stato del Vaticano di posti, luoghi ecc. e tutti uno migliore dell’altro. Sempre i migliori!

Ho voluto solo evidenziare qui sotto alcune cose che in chiesa, nei sermoni non ci leggono mai. Ma anche se lo facessero, la gente non crederebbe che tutto ciò sia vero. Cioè che Dio abbia dato ordini impossibili, essendo lui misericordioso. Alla gente va bene così, l’importante è non pensare con la propria mente. Basta sapere che non si può pronunciare il vero nome di Dio perché non è possibile circoscriverlo in una parola. In realtà qualcuno gli ha chiesto chi fosse e come si chiamasse, (Es. 3,14-15)) ma lui ha risposto: io sono quello che sono, il Signore. Come per dire: a te e agli altri non deve importare chi io sia, tu devi solo obbedire e basta. Sono il Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe.

Leggendo la Bibbia ho incontrato tante stranezze e proprio adesso mi sono ricordato che Dio si è finto uomo anche un’altra volta quando combatté con Giacobbe per una intera notte. Nessuno riusciva ad avere la meglio sull’altro, fino a che Dio, sotto la spoglia umana, non potendolo vincere gli diede un colpo sull’anca slogandogliela. Poi all’alba Dio pregò Giacobbe di lasciarlo andare via, come se avesse altro da fare. Ricordo che i due gemelli Giacobbe e Esaù erano molto diversi tra di loro. Schietto e leale Esaù con un fisico irsuto e prestante, furbo e opportunista Giacobbe con un fisico scabro e poco robusto. Eppure Dio non è riuscito a vincerlo!  Forse era perché Yahweh voleva cambiargli nome, infatti da quella notte Giacobbe si chiamò Israele che significa: colui che ha combattuto contro un Dio. Ma che senso ha? Mi chiedo se queste domande me le pongo solo io oppure anche gli altri hanno i miei stessi dubbi? Probabilmente dovrei chiedere spiegazioni a qualche esegeta chissà cosa mi tireranno fuori?

Da quando ho iniziato a studiare la Bibbia per conto mio, ho avuto due incontri con i Testimoni di Geova, che la Bibbia la conoscono a memoria. Non ho avuto la possibilità neanche di inserire un dubbio nella loro fede assoluta. Convinti che malgrado il Diavolo abbia cercato di stravolgerne il significato, Dio abbia sempre mantenuto intatto nel tempo e nelle varie traduzioni ogni singolo contenuto. Anche quando ho fatto notare alcuni versetti tremendi, non hanno fatto una piega. E’ come avere un muro davanti! Però potrebbe essere che loro abbiano ragione ed io, invece, completamente torto. Qui di seguito alcuni di questi versetti che a me paiono non provenire da un Dio buono, ma forse sbaglio.

Ecco le qualità eccezionali di Yahweh, perché questo è il nome che tutti pensano sia nostro Dio, per fortuna non lo è. Nel caso è degli israeliti ma non certo il nostro. Questa è un’altra invenzione che ci hanno offerto e di cui in seguito scriverò.

 

 

Gli attributi di Yahweh

 

 

Pacifico

 

Sal 59,6         Tu, Signore, Dio degli eserciti, Dio d’Israele, alzati a punire tutte le genti, non avere pietà dei perfidi traditori

Sir 36,2         Alza la tua mano sulle nazioni straniere, perché vedano la tua potenza.

Dt 28,63        Yahweh prenderà piacere a farvi perire e a distruggervi

1Sam 6,19    Yahweh colpì gli abitanti di Bet-Semes, perché avevano guardato dentro l’arca, ne uccise settanta

 

Tollerante

 

Dt 28,27        L’eterno ti colpirà con l’ulcera d’Egitto, con emorroidi, con rogna e con la tigna da cui non potrai guarire.

Ez 30,12        Prosciugherò i fiumi e venderò il paese in mano di genti malvagie; e per mezzo di stranieri renderò desolato il paese e tutto ciò che contiene. Io, l'Eterno, ho parlato

Dr 4,24          Il Signore, tuo Dio, è fuoco divoratore, un Dio geloso.

Ger 44,6        La mia ira e il mio furore si riversarono e divamparono come fuoco nelle città di Giuda e nelle strade di Gerusalemme, ed esse divennero un deserto e una desolazione come sono ancora oggi.

Ger 21,5        Io stesso combatterò contro di voi con mano tesa e con braccio potente, con ira, furore e grande sdegno.

Is 13,9           Ecco, il giorno del Signore arriva implacabile, con sdegno ira e furore, per fare della terra un deserto, per sterminare i peccatori.

 

 

 

 

Comprensivo

 

Dt 7,16           Tu divorerai tutti i popoli che Yahweh sta per dare in tuo potere, non ne abbia pietà il tuo occhio, non servire ai loro dei, perché sarebbe la tua rovina.

1Sam 5,9      Yahweh colpì gli uomini della città, piccoli e grandi, e un gran flagello di emorroidi scoppio in mezzo a loro.

Na 1,2                        Un Dio geloso e vendicatore è il Signore, vendicatore è il Signore, pieno di collera.

Is 29,6           Dal Signore degli eserciti sarai visitata con tuoni, rimbombi e rumore assordante, con uragano e tempesta e fiamma di fuoco divoratore.

Gs 11,11       Passò a fil di spada ogni essere vivente che vi era, votandolo allo sterminio, non risparmiò nessun vivente ed appiccò il fuoco ad Asor

1Sam 5,12    La città era in preda al terrore di morte e la mano di Yahweh si faceva pesante. Chi moriva era colpito dalle emorroidi            .

 

Indulgente

 

2Sam 12,14  Tuttavia, poiché facendo così hai dato ai nemici del Signore ampia occasione di bestemmiare, il figlio che ti è nato dovrà morire.

2Sam 12,14-18        Yahweh colpì il bambino che la moglie di Uria aveva partorito a Davide, ed esso cadde gravemente ammalato… il settimo giorno il bambino morì.

Lv 10,1          Ora Nadab e Abiu, figli di Aronne, presero ciascuno un braciere, vi misero dentro il fuoco e il profumo e offrirono davanti al Signore un fuoco illegittimo, che il Signore non aveva ordinato. Ma un fuoco si stacco dal Signore e li divorò  e morirono così davanti al Signore.

Lv 10,1-6       (dice Mosè) i vostri fratelli, tutta quanta la casa d’Israele facciano cordoglio per quelli che Yahweh ha bruciato.

1Sam 18,27  David e i suoi uomini uccidono 200 filistei, prelevando i loro prepuzi, che David contò davanti al re per diventare genero Saul gli diede per moglie la figlia Mikal.

Dt 13,16        E radunerai tutto il bottino in mezzo alla piazza, e darai interamente alle fiamme la città con tutto il suo bottino, come sacrifizio arso interamente all’Eterno, ch’è il vostro Dio; essa sarà in perpetua un mucchio di rovine, e non sarà più riedificata

 

 

 

 

Pacato

 

Sal 106,40    Colui che getta il disprezzo sui potenti, li fece vagare in un deserto senza strade.

Es 33,5          Yahweh disse a Mosè – riferisci agi israeliti, voi siete un popolo di dura cervice, se per un momento io venissi in mezzo a voi, io ti sterminerei.

Nm 16,35      Un fuoco uscì dal Signore e divorò 250 uomini che offrivano l’incenso.

Is 34,2           Il Signore è adirato contro tutte le nazioni ed è sdegnato contro tutti i loro eserciti, li ha votati allo sterminio, li ha destinati al massacro.

Nm 25,4        Yahweh disse a Mosè – prendi tutti i capi del popolo e fa appendere al palo costoro, davanti al Signore, in faccia al sole, e si allontanerà l’ira ardente del Signore da Israele.

Lc 19,27        e quei miei nemici che non volevano che diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me.

Mi 2,3 Ecco io Yahweh spezzerò il vostro braccio e spanderò sulla vostra faccia escrementi.

 

Igienista

 

Dr 23,13        Fra i tuoi utensili avrai un piolo e, quando andrai ad accovacciarti fuori, con esso scaverai una buca e coprirai i tuoi escrementi. Poiché Yahweh cammina in mezzo al tuo accampamento per liberarti e per darti nelle tue mani i tuoi nemici, l’accampamento deve essere dunque santo, poiché egli non veda in mezzo a te qualche indecenza e ti abbandoni.

Lv 21,16-20  Nessun uomo che abbia qualche deformità si avvicinerà a me (Yahweh), il cieco, lo zoppo, chi ha un difetto, una frattura al piede o alla mano, né il gobbo né il nano, né chi ha un difetto nell’occhio, la rogna, la scabbia o i testicoli ammaccati.

Ez 4,12          Mangerai questo cibo in forma di una schiacciata d’orzo, che cuocerai sopra escrementi umani davanti ai loro occhi.

 

Buon Legislatore

 

Dr 22,22        Quando un uomo verrà colto in fallo con una donna maritata, tutte e due dovranno morire, l’uomo che ha peccato con la donna e la donna.

2Sam 24,13  Io Yahweh ti propongo tre cose:  sette anni di carestia nel tuo regno,oppure tre mesi di fuga davanti al nemico oppure tre giorni di peste. David scelse i tre giorni di peste. Così Yahweh mandò la peste in Israele. Morirono 70.000 persone. E tutto perché David ha imbandito un censimento. Ha peccato di superbia.

Dt 21,21        Se un figlio è testardo e ribelle, allora tutti gli uomini della tua città lo lapideranno ed egli morirà, così estirperai da te il male e tutto Israele lo saprà e avrà timore.

Es 20,5          Non ti prostrerai davanti a loro (altri dei) e non li servirai, perché io, il Signore tuo Dio, sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e quarta generazione, per coloro che mi odiano.

Dt 6,15           Il Signore, tuo Dio, che era in mezzo a te, è un Dio geloso, altrimenti l’ira del Signore, tuo Dio, si accenderà contro di te e ti farà scomparire dalla faccia della Terra.

 

Vegano

 

Lv 3,2            Di questo sacrificio di comunione offrirà come sacrificio consumato dal fuoco in onore del Signore il grasso che avvolge le viscere e tutto quello che vi è sopra, i due reni con il loro grasso e il grasso attorno ai lombi e al lobo del fegato, che distaccherò al di sopra dei reni, i figli di Aronne lo bruceranno sull’altare, sopra l’olocausto, posto sulla legna che è sul fuoco, è un sacrificio consumato dal fuoco, profumo soave per il Signore.

Dt 28,56        La donna più raffinata e delicata fra di voi, guarderà con occhio maligno il marito che riposa sul suo seno, suo figlio e sua figlia, per non dar loro nulla della placenta uscita dal suo seno e dei figli che metterà al mondo , perché mancando di tutto, se ne ciberà di nascosto.

Es 29,19        Prenderai poi uno degli arieti (senza difetti), ne raccoglierai il sangue e lo spargerai intorno all’altare. Poi farai a pezzi l’ariete, ne laverai le viscere e le zampe e le disporrai sui quarti e sulla testa. Allora brucerai in soave odore sull’altare tutto l’ariete. E’ un olocausto in onore di Yahweh, un profumo gradito, un’offerta consumata dal fuoco. Profumo soave per Yahweh.

 

Non porta rancore

 

Dr 28,15-20  Se non obbedirai alla voce del Signore, egli lancerà contro di te la maledizione, la costernazione e la minaccia in ogni lavoro a cui metterai mano, finchè tu sia distrutto e perisca rapidamente a causa delle tue azioni malvage per avermi abbandonato.

 

Dt 28,22        Ti farà attaccare la peste, ti colpirà con la consumazione, con la febbre, con l’infiammazione, con arsura, con la siccità, il carbonchio e la ruggine che ti perseguiteranno finchè tu non sia perito. Il tuo cadavere sarà pasto per tutti gli uccelli del cielo e delle bestie selvatiche e nessuno li scaccerà.

Dt 28,27        Il Signore ti attaccherà con le ulcere d’Egitto, con bubboni, scabbia e prurigine, da cui non potrai guarire. Ti colpirà di delirio, di cecità e di pazzia e andrai brancolando in pieno giorno come il cieco brancola nel buio.

Dt 28 20,29   Non riuscirai nelle tue imprese, sarai ogni giorno oppresso e spogliato e nessuno ti aiuterà.

Dt 28,29        Se non cercherai di seguire tutte le parole di questa legge scritte in questo libro Bibbia) se non temi questo nome glorioso e terribile del Signore tuo Dio, allora il Signore colpirà te e i tuoi discendenti con flagelli prodigiosi: flagelli grandi e duraturi, malattie maligne e ostinate.

Gal 3,10        Maledetto chiunque non rimane fedele a tutte le cose scritte nel libro della legge  per praticarle.

 

Leale

Lv 20,14        Se uno prende in moglie la figlia e la madre , è un delitto, si bruceranno con il fuoco lui ed esse, perché non ci sia tra di voi tale delitto.

Dt 20,16        nelle città di questi popoli che Yahweh mi dà come eredità, non conserverai in vita nulla che respiri.

Gs 10,11       Mentre essi fuggivano dinanzi ad Israele Yahweh lanciò dal cielo come grosse pietre fino ad Azeka e molti morirono Coloro che morirono per le pietre della grandine furono di più di quanti ne uccidessero gli israeliani con la spada.

 

Paterno

   

Sal 137,9      Beato chi afferrerà i tuoi piccoli e li sbatterà contro la pietra.

Nm 25,9        Di quel flagello morirono 24.000 persone.

Lv 26,27-29  E se nonostante tutto questo, non volete darmi ascolto, ma con la vostra condotta mi resisterete, anch’io vi resisterò con furore e vi castigherò sette volte di più per i vostri peccati. Mangerete la carne dei vostri figli e delle vostre figlie.

Gdc 21,10     Andate e passate a fil di spada gli abitanti di Labes di Galaad, comprese le donne e i bambini.

1Sam 15,3    Uccidete uomini e donne, bambini e lattanti, buoi e pecore, cammelli e asini.

 

                                                                                        Natale Pappalardo Febbraio 2018

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now